Studio sul DSM-5 mostra effetti sulla prevalenza e diagnosi di autismo


Study on DSM-5 shows effects on autism diagnosis and prevalence.

Un nuovo studio rileva che la prevalenza stimata di autismo secondo i nuovi criteri del DSM-5  diminuirebbe solo nella misura in cui alcuni bambini avrebbero ricevuto una nuova diagnosi di disturbo della comunicazione sociale (SCD). Lo studio, finanziato in parte da una borsa di studio da Autism Speaks, portando l’autismo scienza del mondo e organizzazione di difesa, appare on-line nel Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry .

Nel complesso, i ricercatori hanno trovato che 83 per cento dei bambini che hanno ricevuto una diagnosi di autismo sotto il DSM-IV dovrebbe ricevere anche la diagnosi in DSM-5. Il restante 14 per cento sarebbe stato diagnosticato con SCD. Questi risultati aiutano a rispondere alle domande poste dallo studio pubblicato la settimana scorsa dal Centers for Disease Control and Prevention. Lo studio della CDC  allo stesso modo ha concluso che il DSM-5 abbasserebbe le stime di prevalenza dell’autismo di circa il 10 per cento. Tuttavia, questo studio non ha preso in considerazione l’SCD, né ha valutarne direttamente i bambini. Piuttosto, ha tentato di applicare i nuovi criteri alle vecchie cartelle cliniche ed educative dei bambini identificati come affetti da autismo nel 2008.

La nuova diagnosi di SCD è stato creata con criteri riveduti per l’autismo nella quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), lo scorso maggio. SCD descrive gli individui che hanno difficoltà sociali e di comunicazione senza i comportamenti ripetitivi ed interessi restrittivi tipici dell’autismo. Inoltre, il DSM-5 combinava sottotipi precedenti di autismo in una diagnosi di disturbo dello spettro autistico (ASD).

Entrambi gli studi posteriori con “test sul campo” e criteri anteriori al DSM-5, hanno parimenti suggerito che la nuova categoria di SCD si applicherebbe a circa il 10 per cento dei bambini che hanno precedentemente ricevuto una diagnosi di autismo. Questo ha suscitato una diffusa preoccupazione tra molte famiglie e sostenitori autismo perché, ancora, non esistono linee guida di trattamento per SCD. Secondo queste preoccupazioni, Autism Speaks ha ricevuto conti da famiglie che hanno segnalato i loro figli che perdono servizi per l’autismo, dopo che una precoce diagnosi di ASD è stato modificata per SCD.

“Autism Speaks sta prendendo questi rapporti dei servizi molto sul serio”, dice Autism Speaks Chief Science Officer Rob Ring. “Noi sosteniamo che tutti gli individui affetti da sintomi invalidanti potrebbero trarre beneficio dai servizi e supporti autismo-correlati.”

I nuovi risultati sono basati su valutazioni dettagliate, nella persona ASD, effettuate durante un precedente studio dagli stessi ricercatori di Autism Speaks. Il precedente studio ha esaminato più di 55.000 bambini, dai 7 ai 12 anni, in un sobborgo sud-coreano. Utilizzando i criteri del DSM-IV, ha trovato una prevalenza dell’autismo di 1 su 38 (2,6 per cento). È importante sottolineare che questo numero ha incluso molti bambini il cui autismo era stato in precedenza inosservato. Come tali non sarebbero stati diagnosticati stimando la prevalenza sulla base delle annotazioni dei loro servizi per l’autismo, come avviene dal CDC.

Nel loro nuovo studio, i ricercatori hanno usato i criteri del DSM-5 di ri-valutare i sintomi di 292 bambini con diagnosi di autismo dello studio precedente. Questo ha abbassato la stima di ASD  a 2,2 o 1 ogni 45. Ma la differenza è scomparsa quando hanno aggiunto nello studio anteriore i bambini che si adattano alla nuova diagnosi di MCI.

I ricercatori hanno determinato quali bambini avrebbero più probabilità che la loro diagnosi passi da autismo ad SCD. Le vecchie linee guida del DSM-IV classificavano le persone con autismo in sottotipi. Tra queste, disturbo autistico, disturbo di Asperger e Disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato (PDD-NOS).

Guardando a questi sottotipi, lo psichiatra infantile ed epidemiologo Young-Shin Kim dello Yale e i suoi colleghi hanno stabilito quanto segue:

  • Dei bambini precedentemente diagnosticati con PDD-NOS, il 71 per cento sarebbero ora diagnosticati con ASD, il 22 per cento con SCD e il 7 per cento con un altro disturbo non-autistico.

  • Di quelli precedentemente diagnosticati con disturbo di Asperger, il 91 per cento sarebbero ora diagnosticati con ASD, 6 per cento con SCD e il 3 per cento con un altro disturbo non-autistico.

  • Di quelli precedentemente diagnosticati con disturbo autistico, il 99 per cento sarebbero ora diagnosticati con ASD e 1 per cento con SCD.

“Fino a prova contraria, i trattamenti per ASD e SCD dovrebbero rimanere gli stessi o simili,” dice il Dott. Kim. “E ‘importante per i bambini che ricevono una diagnosi di SCD – e per le loro famiglie – che continuino a ricevere gli interventi che avrebbero ricevuto con diagnosi di autismo nell’ambito dei precedenti criteri del DSM-IV”.

“Il nostro team di ricerca vuole anche ringraziare Autism Speaks che sostiene questo importante lavoro”. Oltre a due borse di studio da Autism Speads, lo studio ha ricevuto anche il sostegno della Fondazione Brain Research, la Fondazione Simons, e il National Institutes of Health.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...