Goodbye Tabella H che “non voleva nessuno”


Goodbye Tabella H che “non voleva nessuno” | Blog Ufficiale di Giovanni Cupidi.

Il Commissario dello Stato ha impugnato ben 21 articoli dei 77 approvati nella recente Finanziaria del Governo Crocetta. In particolare il Commissario ha cassato l’articolo 74 ossia quello relativo ai contributi erogati “a pioggia”, circa 21 mln di Euro, destinati a Enti o Associazioni varie.
Questa la dichiarazione del Commissario:

”Né dal testo della norma, che contiene con il rinvio all’allegato 2 un mero elenco di destinatari e di importi ripartiti, né dai lavori preparatori della legge, come prima prospettato, emerge la ratio giustificatrice di ogni caso concreto non risultando pertanto che l’Assemblea regionale abbia osservato criteri obiettivi e trasparenti nella scelta dei beneficiari dei contributi. La norma, secondo quanto affermato da codesta Corte su un caso similare deciso con sentenza n. 137 del 2009, si risolve ‘in un percorso privilegiato per la distribuzione di contributi in denaro, con prevalenza degli interessi di taluni soggetti collettivi rispetto a quelli, parimenti meritevoli di tutela, di altri enti esclusi, ed a scapito quindi dell’interesse generale’”.

Adesso speriamo che nella rivalutazione e rimodulazione, che ovviamente nessuno vuole ma che alla fine verrà riproposta, si possano valorizzare solo quegli Enti e associazioni meritevoli ed invece utilizzare le risorse, che non sono modeste, per progetti mirati e servizi assolutamente indispensabili.
Meno strutture e più servizi alle persone!

di Giovanni Cupidi

Annunci

Avviso e modello istanza per l’erogazione del voucher per l’abbattimento dei costi dei servizi domiciliari alla persona


Comune di Agrigento – Pubblicato sul sito avviso e modello istanza per l’erogazione del voucher per l’abbattimento dei costi dei servizi domiciliari alla persona.

Il Sindaco di Agrigento Marco Zambuto e l’Assessore alle Politiche Sociali Antonio Amato, informano la cittadinanza che, è stato  pubblicato, a cura  dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del  Lavoro, sulla G.U.R.S.  n. 45 del  19/10/2012, l’avviso, avente per oggetto: “Erogazione  di voucher di servizio finalizzati all’abbattimento dei costi dei servizi domiciliari alla persona”.

L’avviso prevede l’erogazione di un contributo (voucher di servizio)  per le famiglie che versano le quote previdenziali ed assistenziali, nell’arco  dei  12 mesi  successivi  all’assunzione di  un assistente  familiare  qualificato, iscritto  nell’apposito  registro  regionale, provinciale e comunale  o  che  abbia  concluso percorsi  di politica attiva  per  il lavoro, attestati  da agenzie  di intermediazione, che abbiano aderito  al Programma ASSAP.

Destinatari  del  voucher  di  servizio,  sono soggetti  in condizione di  disagio  o  a rischio di esclusione sociale;  vittime di discriminazione nell’accesso  all’occupazione e  alla formazione; genitori  con  responsabilità  di cura ed assistenza; donne vittime di violenza con figli minori.

Il voucher è rivolto in particolare alle  persone  sia occupate che disoccupate,  residenti  in  Sicilia,  impegnate  nella  cura  di  parenti  o  affini,  sino  al  terzo  grado,  che  siano  anziani  non autosufficienti,  disabili, malati cronici non autosufficienti  e malati terminali, figli minori di  12 anni compiuti.

Per potere  beneficiare  del voucher  dì servizio,  è condizione indispensabile la stipula di un contratto  di lavoro a tempo  indeterminato  o  a  tempo  determinato  per  almeno   12  mesi,  anche  in  data  antecedente  alla  pubblicazione  dell’avviso  e  successivamente  al  14  febbraio 2012, purché  il soggetto interessato abbia concluso un percorso di politica attiva per  il lavoro attestato da agenzie  di intermediazione aderenti  al Programma  ASSAP.
I destinatari,  inoltre, devono  avere un reddito  familiare  annuo  non superiore  a € 30.000,00, calcolati  sulla  base dell’attestazione   I.S.E.E.  –   (Indicatore   della   Situazione   Economica   Equivalente)   mediante  dichiarazione certificata  dagli Uffici  abilitati, in corso di validità all’atto  della presentazione della richiesta di  voucher.

I requisiti sopra citati devono  essere posseduti, entro la data di scadenza  del presente  avviso.  Il voucher di servizio sarà  erogato  per un importo medio di €  1.000,00,  per  la durata di un anno, a fronte di spese di  assistenza  familiare per  le categorie sopracitate.

Le persone  interessate dovranno  presentare richiesta di assegnazione  del voucher  di servizio entro  le ore  13.00 del  giorno  17/4/2013.

L’avviso integrale e la domanda  di  assegnazione  dei voucher  di  servizio,  potranno  essere  reperiti presso  gli  uffici  decentrati  del  servizio sociale  del Comune oppure sul sito  istituzionale del Comune di Agrigento http://www.comune.agrigento.it  al link “albo pretorio ondine”, ai numeri 3618 e 3619.
Le  domande, complete  della  documentazione  prevista,  dovranno  pervenire  a mano  o  con  raccomandata A/R, al Comune di Agrigento –  Area  Affari  Sociali – del Comune di Agrigento. Farà fede il timbro dell’ufficio  postale o dell’ufficio  di protocollo  del  Comune.

Le  domande  pervenute  oltre  i  termini  di  scadenza  sopra  indicati  saranno  considerate  inammissibili  e  non verranno sottoposte a valutazione.

31 ottobre 2012

Disturbo Autistico, servizi dell’ASP di Agrigento


Disturbo Autistico.

AUTISMO E DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO
Unità Multidisciplinare Aziendale dedicata

VIALE DELLA VITTORIA 321, TEL 0922.407483 presso il servizio di NPI
riceve ogni martedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00

L’Autismo è un disturbo del neurosviluppo che configura una disabilità permanente complessa, di natura neurobiologica, con esordio nei primi tre anni di vita.

Le aree prevalentemente interessate sono quelle relative alla comunicazione, all’interazione sociale reciproca ed al repertorio di interessi/attività (selettivi e ripetitivi). Le anomalie comportano una significativa compromissione dello sviluppo delle funzioni mentali con la conseguenza di una grave disabilità che può assumere espressività variabile lungo il ciclo di vita.

Circa l’80% delle persone con autismo presenta anche una condizione di ritardo mentale ed almeno il 50% non sviluppa linguaggio verbale strutturato. Di fatto l’autismo rappresenta una condizione specifica all’interno di uno spettro di disturbi, definiti disturbi dello spettro autistico o disturbi pervasivi dello sviluppo. Sulla base dei dati attualmente disponibili, si stima la presenza di 10 persone autistiche ogni 10.000 abitanti. Colpisce i maschi 4 volte di più che le femmine.

Per affrontare il porblema e produrre processi di salute. è fondamentale l’integrazione dei vari servizi sanitari. Il successo dei processi di salute nasce come risultante di una condivisione di metodologie e di approcci ai diversi luoghi e momenti di vita del bambino, fra i servizi territoriali e la famiglia.

Nell’ASP di Agrigento è stato avviato un percorso operativo, dietro indicazione del Progetto Obiettivo del Piano Sanitario Nazionale 2010 “azione autismo”, percorso che ha portato alla costituzione di una Unità Multidisciplinare Aziendale dedicata.

L’intervento si articola a diversi livelli, a cominciare da un percorso di continuità assistenziale tra pediatri di libera scelta e Unità Operativa di NPI rivolto ai bambini del 18°mese di vita.

Il Pediatra, nell’ambito della visita per il bilancio di salute o per preoccupazione dei genitori, al compimento del 18° mese del proprio assistito (o comunque entro i 2 anni), somministra col consenso dei genitori, la scheda CHAT per la diagnosi precoce di disturbi dello spettro autistico (disturbi pervasivi dello sviluppo).

Per i casi in cui si evidenzierà un rischio, saranno predisposti dei percorsi diagnostici e di presa in carico individualizzati, tramite segnalazione all’UO NPI Distrettuale o all’Equipe multi professionale dedicata composta da P. Alfeo (pedagogista), M. Calderaro (pedagogista), F. Esposto (assistente sociale), G. Gatto (neurologo), L. Giglia (neuropsichiatra infantile), G. Mangicavallo (logopedista), A. Milici (neuropsichiatra infantile), G. Mossuto (psicologa), R. Todaro (assistente sociale), I. Valenza (terapista della riabilitazione).

PROCEDURA RACCORDO PEDIATRA DI LIBERA SCELTA- NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

1. Pediatra di libera scelta: Individuazione del rischio di distrurbo della comunicazione e del linguaggio

Osservazione- utilizzo della CHAT (Check list for autism in toddlers, scheda di screening per i disturbi dello spettro autistico)

INVIO AL SERVIZIO NPI DISTRETTUALE

2. Neuropsichiatria Infantile Distretto Conferma del sospetto

Osservazione- CHAT- CARS (Childhood Autism Rating Scale -Scala di valutazione dell’autismo infantile)

INVIO ALLA UNITA’ MULTIDISCIPLINARE DEDICATA

3. Unita’ multidisciplinare dedicata Definizione diagnostica

Osservazione e Valutazione Multiprofessionale
Test e Scale Diagnostiche Standardizzate
Eeg
Pep-3 e Piano Educativo Individualizzato

Restituzione alla famiglia e al Pediatra inviante

Attivazione Sistema Curante (Scuola- Nido-Famiglia)

Trattamento Intensivo Precoce

Follow-Up

Dimissione e Attivazione Trattamento Riabilitativo Estensivo.

Sportello di consulenza per l’inclusione sociale del comune di Agrigento


E’ attivo lo sportello di consulenza per l’inclusione sociale di soggetti in condizione di disagio psico-fisico /socia

L’Amministrazione comunale di Agrigento apre, presso i locali dell’Ufficio per le relazioni con il pubblico di via Atenea 272, lo Sportello integrato per l’inclusione sociale nell’ambito del progetto “Ragno”, finalizzato a migliorare ed a potenziare le modalità di accesso al mercato del lavoro ed a favorire e sostenere il processo di integrazione sociale dei cittadini in condizioni di disagio psichico, fisico e sociale.

L’attività dello sportello è principalmente rivolta alle persone con disabilità, di età compresa tra i 20 e i 39 anni, ed ai giovani con disagio o devianza sociale, tra i 16 e i 24 anni d’età, ed alle loro famiglie.

I destinatari del progetto di inclusione sociale dovranno essere residenti nei comuni del Distretto socio-sanitario D1 e cioè: Agrigento, Aragona, Comitini, Favara, Joppolo Giancaxio, Porto Empedocle, Raffadali, Realmonte, Santa Elisabetta, S. Angelo Muxaro e Siculiana.

Le attività dello sportello sono diverse e vanno dall’orientamento ai servizi socio-sanitari al sostegno psicologico individuale e di gruppo, dall’assistenza sociale all’indicazione di percorsi di orientamento al lavoro.

Nello sportello saranno presenti, a disposizione degli interessati, alcune importanti figure professionali come psicologi, assistenti sociali, sociologi e addetti al segretariato sociale.

Lo sportello integrato per l’inclusione sociale svolge attività di consulenza oltre che, quale sede principale, presso l’ufficio indicato (tel. 0922/596168, 590141, 590131) dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle 13, anche nelle sedi decentrate di Villaseta in via della Concordia n. 1 (tel. 0922/511289, 590911), dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle 13, e di Fontanelle in via Pancamo (tel. 0922/590819, 590825), il mercoledì ed il giovedì dalle ore 9 alle ore 13.

fonte comune.agrigento

2 marzo 2012