Il contesto influenza la motivazione per il comportamento stereotipato e ripetitivo in bambini con diagnosi di ritardo mentale con e senza autismo.


Context influences the motivati… [J Appl Res Intellect Disabil. 2012] – PubMed – NCBI.

Abstract:

BACKGROUND :

I bambini sono motivati ​​a impegnarsi in comportamenti stereotipati e ripetitivi per una serie di motivi . La loro motivazione sembra cambiare a seconda del contesto , ma poche prove empiriche supportano tale osservazione. Gli interventi volti a ridurre i comportamenti possono essere migliorati da una maggiore comprensione dell’interazione tra motivazione e contesto .
METODO :

Usando l’analisi Rasch , abbiamo analizzato i dati che descrivono comportamenti stereotipati di 279 esiti estratti attraverso la scala di valutazione della motivazione rivisitata ( MAS : R) . I dati sono stati raccolti da due gruppi di bambini : Gruppo 1 con disabilità intellettiva ( n = 37) e Gruppo 2 sia con disabilità intellettiva che autismo ( n = 37 ) . Abbiamo esaminato i comportamenti in tre contesti : il tempo libero , in transizione e mentre erano impegnati in attività. MAS : R distingue due motivazioni intrinseche : aumento della sensorialità e una diminuzione dell’ansia e tre motivatori estrinseci : in cerca di attenzione o di oggetti o di fuga.
RISULTATI:

Notevoli differenze dei motivatori sono state osservate durante il tempo libero e in transizione . Nessuno motivatore predominava mentre i bambini erano impegnati in compiti. Per entrambi i gruppi , la valorizzazione sensoriale era più probabile motivatore nel tempo libero e riduzione dell’ansia era più probabile motivatore durante la transizione . La transizione era il contesto più probabile che influenzasse le motivazioni estrinseche , ma c’erano differenze significative tra i gruppi.
CONCLUSIONI :

Il contesto influenza la motivazione per i comportamenti stereotipati e ripetitivi . Transizione ha un effetto particolarmente potente .

Camminare sulla punta dei piedi


Idiopathic toe walking and sensory processing dysfunction – 1757-1146-3-16.pdf.

Non si sa in che percentuale ma questa disfunzione colpisce in comorbilità anche i soggetti con autismo. E’ un problema che non risolto porta purtroppo a dover effettuare un intervento chirurgico sull’articolazione del piede ed il tendine d’Achille. Nel frattempo bisogna agire su calli e duroni che si formano sulle punte.

autism toe walking, riferimenti: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?Db=pubmed&term=autism%20toe%20walking

L’attuale studio ha valutato l’efficacia di utilizzare una procedura di modificazione TAGteach  per la correzione e riduzione del camminare sulle punte in un bambino di 4 anni con autismo. Sono stati analizzati due condizioni: la modificazione senza e con uno stimolo di rinforzo condizionato acustico. La sola correzione ha provocato riduzioni minime e incoerenti in punta di piedi, ma la correzione con uno stimolo condizionato acustico si è dimostrata più efficace nel ridurre questo comportamento. Ciò ha implicazioni per diminuire toe-walking in altri bambini con autismo e può essere facilmente utilizzato da insegnanti e genitori.

Introdurre l’analisi del comportamento applicata in classe: un workshop per gli insegnanti prescolari e la scuola elementare e assistenti all’educazione


Abstract:

With the number of children diagnosed with autism increasing, teachers and paraprofessional aides are experiencing high numbers of students diagnosed with autism spectrum disorder in the mainstream classrooms. Although teachers and aides may have some background knowledge in behaviorism, techniques such as applied behavior analysis may not have been included in their educational backgrounds. Applied behavior analysis (ABA) is a system of tools and methods designed to assist teachers in working with children diagnosed with autism. Applied behavior analysis strategies promote higher incidences of appropriate social, behavioral, on task and language functioning for children with autism. Providing teachers and aides with training methods and strategies of ABA to utilize within the classroom for their students diagnosed with autism spectrum disorder was the main goal of this project. Sources of Data The researcher developed a three-part workshop series that presented teachers and aides with information on autism spectrum disorder, behaviors associated with the disorder, award systems, and reinforcement and incorporation methods. The researcher also developed a supplemental manual with all information provided in the workshop series to serve as a future resource. Participants were provided with a packet that contained all power point presentations, handouts and activities, as well as a manual. The researcher also developed an activity in the first and last workshops to assess the participants’ present and past knowledge of autism spectrum disorder, behaviors associated and present therapeutic options. At the end of the workshop presentations, participants completed a brief evaluation rating their experience in the workshop. Conclusions Reached Analysis of the data from group activity from presentations one and three showed that 33 out of the 35 participants increased their knowledge of terms and phrases related to autism spectrum disorders’ 29 out of the 35 participants increased their terms and phrases for behaviors associated with autism and 31 out of 35 participants increased their terms and phrases for therapeutic options. Results from the evaluation survey indicated that the overall experience of the workshop presentation was valued and enjoyable. Participants indicated that they gained a significant amount of knowledge and would be able to implement this knowledge into their classrooms appropriately. Participants also indicated on the future suggestions and comments option that they would like to see more professional guest speakers in the presentations. Future recommendations would suggest having follow-up workshop trainings with the teachers and aides to see if the ABA behavior management systems have been incorporated effectively in the classroom.

tratto da http://csus-dspace.calstate.edu/handle/10211.9/1846

abstract:

Formare gli insegnanti per implementare questi metodi in aula è necessario per vedere il cambiamento e l’efficacia in classe .
La formazione degli insegnanti che lavorano con bambini autistici è necessaria al fine di promuovere e favorire il successo formativo degli studenti .
Gli insegnanti e gli educatori specializzati devono inoltre essere informati delle caratteristiche associate con disturbo dello spettro autistico . In particolare , i nuovi insegnanti che sono responsabili per gli studenti con autismo nelle loro classi possono sentirsi sopraffatti , a volte.
Al di là della formazione , insegnanti e paraprofessionali dovrebbero avere un sistema di supporto per
incoraggiarli nella comprensione e l’utilizzo di materiali e strumenti per lavorare con i bambini
con disturbo dello spettro autistico . Gli insegnanti che sono affiancati da facilitatori apprendono le  nuove tecniche e applicano le nuove conoscenze  più
rapidamente ( Boyer & Lee , 2001) . Facilitatori adeguatamente addestrati possono contribuire a incoraggiare gli insegnanti
e aumentare la loro fiducia per implementare nuove conoscenze e i materiali nelle loro aule .

tratto da http://csus-dspace.calstate.edu/bitstream/handle/10211.9/1846/Final%20project.pdf?sequence=2